Il libro "Astenersi perditempo" è prenotabile presso tutte le librerie del circuito Feltrinelli

13/01/14

Social ...cosa...?



Tablet, smartphone, Facebook, Twitter, condivisioni. Ma gli appuntamenti al buio? Finiti? Tramontati? Sembrerebbe proprio di sì. La nuova frontiera delle socializzazioni è sempre più virtuale, ma è certamente un bel passo all'indietro. Chi, come me, ha gustato una o più volte l'emozione di incontrare una persona conosciuta attraverso un annuncio o su una messaggeria della rete, sa che è tutt'altra cosa, rispetto alle attuali tendenze. A cavallo del uovo millennio, la tecnologia già dava una grossa mano, ma non eravamo certo ai livelli attuali. Che, diciamolo apertamente, hanno ucciso la "poesia" di quelle strane, peccaminose occasioni. Oggi tutto corre davvero sulla Rete, ma è una corsa che lì nasce, lì si sviluppa e lì termina, salvo rare eccezioni. Si condividono in tempo reale le foto della vacanza, delle cene, dei concerti, solo per ambire a più "Mi piace" possibili, però non c'è più la voglia di mettersi in gioco che c'era prima. Sì, è vero, ci sono siti come MEETIC che sembrano ancora di moda, ma indubbiamente la continua evoluzione della tecnologia ha sottratto inevitalbilmente qualcosa. Morale? Nessuna. Solo la constazione che i tempi cambiano, ma come spesso accade, non è detto che le cose migliorino...